1457742_543883299020917_543582376_n

Interventi nuovi e antichi saperi per accompagnare la maternità, la nascita e i primi anni di vita dei bambini e delle bambine

Presentazione

La nascita di un figlio è un momento delicato e cruciale nella vita di una donna e ogni comunità la accompagna con rituali e pratiche di assistenza molto diverse l’una dall’altra, secondo i valori condivisi, la cultura e le forme di organizzazione sociale.

Nel nostro paese si è andata recentemente affermando una modalità di assistenza caratterizzata da un’elevata medicalizzazione. Il luogo deputato alla nascita è per lo più l’ospedale, luogo di per sé dedicato alla patologia e non alla fisiologia. L’approccio medico risulta così predominante, a discapito di una visione olistica dell’esperienza, della libertà di scelta e del rispetto dell’intimità di ciascuna donna.

Eppure consolidate evidenze scientifiche dimostrano come il modello di assistenza alla nascita che promuove e rafforza nelle donne le loro competenze, garantisce migliori esiti di salute materna e neonatale.

Una madre ha necessità di essere accudita per accudire, rassicurata per offrire cura al proprio bambino.

L’operatrice che esercita l’arte del maternage interagisce con la donna in un rapporto paritario basato sul rispetto e l’empatia, sulla capacità di ascoltare e trasmettere saperi pratici per aiutare ciascuna a far emergere la consapevolezza delle proprie competenze e delle pratiche perdute; è in grado di dare sostegno, aiuto concreto anche attraverso la creazione di un gruppo solidale.

Tale arte nasce e si consolida grazie ad un percorso di formazione ed alla rivisitazione della propria esperienza personale di donna e di operatrice. Il master in arte del maternage offre conoscenze, approfondimenti teorici, esperienze pratiche al fine di sviluppare le competenze necessarie per lavorare nel campo della cura dei primi mille giorni.

Obiettivi

Il Master intende:

.       trasmettere in modo integrato conoscenze e strumenti operativi che consentano di accompagnare e sostenere le donne, dalla gravidanza ai primi anni di vita del bambino o della bambina, attivando scelte consapevoli

.       favorire l’acquisizione di metodologie appropriate che rafforzino e valorizzino nelle donne le competenze materne, sviluppino la fiducia nel corpo e la possibilità di essere attive e protagoniste nel percorso della nascita

.       potenziare in ciascuna operatrice l’autostima, la positività, la fiducia e le capacità di accoglienza, empatia, ascolto attivo

.       sviluppare le capacità relazionali necessarie ad attivare in un gruppo la condivisione, il confronto e il reciproco sostegno


Destinatari

Il Master è rivolto a chi desidera avvicinare e approfondire i temi legati all’accompagnamento, al sostegno e al prendersi cura delle donne e degli uomini nel loro divenire madri e padri, al fine di professionalizzare esperienze personali e specializzare competenze già acquisite nei servizi dell’Associazione o in servizi presenti sul territorio, in ambito sia pubblico sia privato (consultori, ospedali, servizi per le famiglie, progetti di sostegno alla genitorialità).

Contenuti

IL FEMMINILE CHE È IN ME

Sensibilità, intuito, fragilità, forza, emotività, coraggio: riconoscere, riscoprire e celebrare la femminilità
Il corpo come teatro delle emozioni: stupore, rabbia, paura, dolore, tristezza, disgusto e gioia
Emozioni e sentimenti: i regolatori dei processi vitali
L’intelligenza emotiva e il cervello emotivo
Il processo di alfabetizzazione emozionale: sentire, riconoscere e agire
Il potere delle carezze
L’ascolto attivo e la sintonia emotiva
I principi e gli ostacoli di una buona comunicazione verbale
Dire senza parlare, prestare ascolto al silenzio: la comunicazione non verbale
Il Counselling come processo di conoscenza e potenziamento di sé e dell’altro
Il corpo, palcoscenico su cui avvengono tutte le trasformazioni
Ascolto e identificazione dei bisogni, riscoperta del benessere
La forza del respiro, l’energia delle diverse posture, il suono profondo della voce, il rilassamento
Nozioni di yoga, qi gong e massaggio Tuina

DAL MATERNO AL MATERNAGE

Una storia collettiva, una storia familiare
La scienza della cura materna, un sapere in continua evoluzione, che rende ogni madre erede di un lungo passato familiare e sociale e artefice del tempo futuro
Visualizzare, evocare, portare alla luce: l’uso degli archetipi e dei simboli
Il protagonismo, la partecipazione, l’empowerment rivendicati dal movimento delle donne, con la proposizione del punto di vista di genere
Storie, strumenti sociali, leggi, riti, pratiche e codici di comportamento relativi alla maternità e alla nascita
La ritualità nei passaggi della vita: i cicli femminili
Il cerchio delle donne

L’incontro con l’altro
Dall’essere uno/una al desiderio di un figlio
Forme di maternità e paternità

Dall’endogestazione all’esogestazione
L’endogestazione e le sue fasi: i cambiamenti del corpo, i vissuti emotivi, le fantasie, le ambivalenze; la fiducia nelle risorse endogene della donna e del bambino in utero; i nuovi ‘obblighi’ imposti dalla società e dalla scienza
La nascita: travaglio, parto e secondamento; fisiologia, tempi, ritmi, vissuti, emozioni, paure, ansie; le pratiche ostetriche alla luce delle attuali prove d’efficacia; il dolore, il suo significato, la scelta consapevole di modalità e mezzi per affrontarlo
Il nuovo equilibrio dopo il parto; i cambiamenti dell’umore legati alla maternità, baby blues e depressione post partum; la solitudine e l’isolamento sociale della donna dopo la nascita; l’allattamento
Le Raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e le Linee Guida Nazionali ed e Internazionali

Far da madre alla madre
La competenza del materno, l’arte della cura
Fare spazio, accogliere, affidarsi, condividere
Accompagnare un percorso: sostenere l’unità madre-bambino; la continuità delle cure e dell’assistenza; la personalizzazione, l’accoglienza e il rispetto delle molteplici e diverse individualità (così mi sembra raccogliere la sfumatura indicata da Titti senza dar adito a fraintendimenti) ; la scelta informata; la centralità e il protagonismo della donna, del neonato, della coppia
L’impianto metodologico per la costruzione di un percorso di accompagnamento dalla gravidanza ai primi anni di vita del bambino: informazione, sostegno emotivo, esperienza corporea, attivazione di un gruppo
Ruolo, funzioni e strumenti della conduttrice: l’empowerment e i processi alla base del benessere fisico e psichico
Il gruppo come risorsa, luogo di scambio e creatività, opportunità di cambiamento personale e sociale
Gruppi di mamme, gruppi di padri, gruppi di coppie

Bambini, bambine. Figlie, figli
Invisibili: bambini e bambine da 0 a 1 anno
Bisogni e competenze nei primi 1000 giorni
L’osservazione del neonato
Legami di latte
Oggetti e ambienti: a cosa servono, cosa comunicano
Fratelli e sorelle, ovvero l’importanza del posto di nascita
Educare alla differenza di genere
Quando accade qualcosa: bambini prematuri, bambini non nati
Il ruolo dei padri nella storia dei bambini e delle bambine

Il lavoro corporeo
Strumenti per la conduzione dei gruppi di donne e coppie in gravidanza, nel puerperio e nei primi mesi di vita del bambino

Metodologia

Negli incontri del Master sono utilizzate metodologie interattive ed esperienziali, favorendo il coinvolgimento attivo delle partecipanti, lo scambio d’idee e vissuti, il confronto in gruppo.

Le lezioni teoriche saranno pertanto sviluppate con un taglio operativo ed integrate da:

Docenti

Docenti del Master sono operatrici dell’associazione Il Melograno che gestiscono le attività dei Centri e in particolare la formazione:

Silvana Cappellaro, ostetrica. Tutor e valutatrice “Ospedali Amici del Bambino” OMS-UNICEF. Presidente del Melograno di Verona

Margherita Cardini, insegnante di educazione fisica, shiatsuka e terapista di Medicina Tradizionale Cinese specializzata in Tuina (massaggio) e Qi gong (ginnastica medica cinese)

Luciana Mellone, insegnante di scuola primaria, conduttrice di percorsi di preparazione alla nascita presso il Melograno di Treviso e assistente domiciliare al puerperio. Dal 2009 ha assunto la Presidenza del Melograno Nazionale; dal 2007 è amministratrice unica di Idea Società Cooperativa Sociale di Treviso

Patrizia Porcina, psicologa, counselor e mediatrice familiare. Presidente dell’associazione Medi-are di Roma della quale è responsabile didattica, supervisore e docente nei corsi di formazione professionale in Mediazione Familiare e Counseling nei conflitti relazionali. Presidente e socia fondatrice del Melograno di Mentana (Rm). Conduce gruppi di preparazione alla nascita attiva e svolge attività di sostegno psicologico individuale e di gruppo

Cristina Realini, laureata in Filosofia e diplomata in Servizio sociale inizia la propria attività come assistente sociale di consultorio pubblico. Nel 1983 apre il quarto Melograno italiano, oggi con sede a Gallarate (VA). Dopo la nascita dei suoi due figli si occupa, anche come formatrice, di problematiche di genitori e bambini da 0 a 4 anni. Dal 2004 al 2009 è stata presidente del Melograno nazionale

Raffaella Scalisi, psicologa, progettista sociale. Ha lavorato 18 anni nei servizi dell’area materno-infantile e in seguito alla nascita del primo figlio ha contribuito alla fondazione de Il Melograno di Roma, di cui attualmente è una delle  responsabili, gestendo le diverse attività e coordinando numerosi progetti realizzati nel territorio. Dal 1986 è anche docente in corsi di formazione per operatori nell’area della nascita

Tiziana Valpiana, assistente sociale, dopo la maternità fonda nel 1981 l’associazione Il Melograno, conducendo fino al 1996 gruppi di maternità presso Il Melograno di Verona. Ha fondato altre associazione per la protezione della maternità delle donne nel Sud del mondo. Autrice di libri su maternità, salute naturale e bambini. Dal 1994 al 2008 è parlamentare occupandosi in particolare di salute e promozione e tutela dei diritti della partoriente, del nuovo nato, dell’infanzia. Attualmente è Presidente onoraria del Melograno Nazionale

Coordinatrice d’aula: Isabella Sciarretta, operatrice Melograno, fondatrice dell’Associazione Montessori di Verona, dal 2008 nel direttivo del Melograno di Verona.

Diploma

Il Diploma è rilasciato a chi ha partecipato almeno all’80% delle ore (d’aula e di tirocinio) dopo aver sostenuto l’esame finale, consistente nella discussione di una tesina, concordata con la docente di riferimento del tirocinio.

Il diploma oltre a rappresentare una specializzazione per il proprio curriculum personale

-          abilita all’iscrizione all’Elenco delle Operatrici Melograno

-          è un prerequisito per essere inserite come operatrici in una sede già aderente all’Associazione Nazionale Il Melograno o per aprire una nuova sede affiliata

Durata

Il Master ha la durata complessiva di 450 ore nell’arco di due anni, così articolate:

-          250 ore d’aula suddivise in 15 incontri a cadenza mensile

-          150 ore di tirocinio, presso servizi attivati nelle sedi dell’associazione Il Melograno o in altre strutture

-          50 ore di studio individuale comprensive dell’elaborazione di una tesi finale e della partecipazione a iniziative ed eventi formativi dell’Associazione

Info

la prossima edizione del corso a numero chiuso si terrà a Verona a partire da novembre 2017.
Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi alla segreteria:

tel. +393496418745

Qui i materiali; programma master_viedizione_presentazione
scheda d’iscrizione master_viedizione_scheda-discrizione
questionario d’ingresso master_viedizione_questionario-dingresso